Sotto lo sguardo 
di un cielo grigio inquietudine
in silenzio
passeggio lungo il fiume dei ricordi,
dolce solitudine.
Vedo scorrere la mia vita
trascinata dalla corrente del destino,
sento svanire le mie emozioni
nel grido violento di un addio.
Nulla più mi appartiene.
Mi specchio nell’acqua
cercando i segni del tempo,
accenno un sorriso
salutando l’ultimo raggio di sole.
All’improvviso
davanti agli occhi ritorna un viso,
uno sguardo, un pianto, un riso.
Lascio sola l’anima stanca
mentre sussurra
la sua ultima disperata preghiera.
Poi volto le spalle
a tutto ciò che è stato…
e con le mani in tasca
mi incammino 
leggera
verso l’ignoto di ciò che verrà.

 

Lungo il fiume di Luigi Meregalli

 *

Tratto da "Insolite Emozioni"

Dipinto ad acquerello di Luigi Meregalli

 

©Federica Bianchi