Sboccia la sera,
dolce miracolo
una volta ancora,
avvolta dal rosso del cielo
che si riflette violento
sulle onde trasparenti del mare.
Si affacciano i primi fantasmi
a turbare gli ultimi istanti di questo giorno 
che scivola via morbidamente 
senza pensieri.
E la realtà si libera.
Vola.
Un angelo senza ali
mi sussurra di nascosto
parole che non conosco,
l’anima si fa strada
tra gli incubi della notte che verrà
seminando gli sguardi
e le false luci del giorno.
Il sole si è fermato sulla linea dell’orizzonte
sospeso
nell’incantesimo di questo tramonto,
ultimo,
al limite della conoscenza
dove l’unica certezza possibile
è il dubbio.

 

 

© Federica Bianchi